Nucleo di Convergenza Psicosociale (NCP) - Memoriale dell' América Latina 
“Governi autoritari, traumatizzazióne e processi di reintegracione psicosociale”

La paura come fattore repressivo in ciascun paese in particolare assunse caratterístiche che oggi si constatano come simili in tutto il subcontinente, por mezzo di tecniche di psicologia sociale e militare, con efficacia scientífica comprovata, per introdurre la paura in tutti gli ambiti della vita quotidiana

La violenza organizzata sviluppó una strategia distruttiva contro persone e reti sociali che si opponevano ai governi della forza, tuttavia essa non provocó solamente víttime inermi, ma condusse a una riorganizzazione della popolazione civile e a gestioni nella salute mentale per assistere e proteggere coloro che ne erano colpiti. Persone e istituzioni, attive nell'ambito della salute mentale, constituirono enclavi di competenza nel trattamento delle persone e dei gruppi affetti dalla traumatizzazione psíchica e sociale di quell'epoca.

Questo Nucleo di Convergenza Psicosociale, con sede nel Memoriale dell'América Latina  (Sao Paulo/Brasil), propone di generare percorsi finalizzati alla conoscenza reciproca e all' interazione fra gli attori di allora e di oggi nell'area del sostegno e del trattamento psicosociale da persone e gruppi colpiti da situazioni límite.

Le nostre proposte sono: creare, sviluppare e seguire una rete di competenza psicosociale per approcciare le sfide implicite in questo lascito della nostra storia comune. Le aree di intervento sono: una banca dati interattiva e uno spazio virtuael di interazione.

Traduzione: Dr. Lorenzo Toresini, Trieste Dettagliato: PDF